News dall'Azienda Socio-Sanitaria Territoriale

Tagliacoda intelligenti e nuovo Risponditore telefonico

L'Asst di Pavia, per migliorare l'esperienza dei pazienti che si rivolgono alle strutture sanitarie ed amministrative ospedaliere e territoriali, ha da alcuni mesi attivato due sistemi che agevolano da una parte le attese allo sportello e dall'altra le attese telefoniche.
I TAGLIACODE INTELLIGENTI: recentemente installati presso i front office aziendali (Ospedale di Vigevano: CUP, Ospedale di Stradella: CUP e Laboratorio Analisi, Ospedale di Casorate Primo: CUP e Scelta e Revoca, PreSST di Broni: CUP e Scelta e Revoca e presso il front office della Sede ASST di Viale Indipendenza a Pavia) sono sistemi integrati di gestione delle attese e dell'accoglienza. L'aggiudicatario della procedura negoziata è la Società Teom s.r.l. di Torino.
Il sistema permette di migliorare e riorganizzare il flusso in attesa, monitorare l'attività dei servizi, gestire la polifunzionalità degli sportelli ed in modo efficiente l'affluenza, ottimizzando l'utilizzo del personale, individuando soluzioni organizzative e normative per dissolvere le criticità. Inoltre l’utente potrà mantenere lo stesso numero di prenotazione (da ritirare al momento dell’arrivo nelle nostre strutture presso il totem di accoglienza) sia per lo sportello del CUP che per fruire di servizi come il Laboratorio Analisi o l'Ufficio di Scelta e Revoca del Medico di Medicina Generale. Durante l'attesa i monitor di sala indicheranno costantemente l'andamento della stessa. A breve entrerà in funzione un’applicazione digitale scaricabile su smartphone per prenotarsi digitalmente ancor prima di arrivare presso le nostre sedi, con un considerevole risparmio di tempo.
Nuovo INSTRADATORE TELEFONICO: è attivo, dal 1° Febbraio 2018 un sistema di instradamento delle telefonate (risponditore automatico), che permette di contattare, in modo rapido e sicuro, l'Ufficio desiderato presso la sede ASST di Pavia Viale Indipendenza. Il sistema è attivo anche per le sedi di Corteolona, Garlasco, Cava Manara, Certosa e Vidigulfo. Sarà possibile avere telefonicamente le informazioni utili relative agli orari di apertura dei servizi e alle modalità di accesso. I numeri di telefono per accedere al servizio sono: 0382 4311 -  4321.
Dopo aver digitare il tasto 1 si potrà essere indirizzati ad uno dei seguenti Servizi dell'Azienda Socio Sanitaria Territoriale – ASST di Pavia, ovvero: Consultori famigliari, Ambulatori vaccinazioni, Ambulatori specialistici, Fisioterapia, Presidio Pneumo Tisiologico (PPT), C.U.P., Assistenza domiciliare, Invalidità civile, Protesica, Scelta e revoca del medico, Ufficio relazioni con il Pubblico – URP, Servizi distrettuali, Farmaceutica territoriale, Medicina legale, Disabilità, Servizi del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze.
Per chiamare i Servizi delle altre località della Provincia di Pavia, si potrà continuare a contattare i centralini telefonici degli Ospedali di Voghera 0383-6951, Vigevano 0381-3331, Broni-Stradella 0385-582190, Varzi 0383-5471, Mede 0384-8081, Mortara 0384-2041 e Casorate Primo 02-900401.

Il sistema tagliacoda intelligente Asst Pavia per la gestione delle attese allo sportello

Attestazione dell’assolvimento dell’obbligo vaccinale

Per richiedere certificati vaccinaliVACCINAZIONI OBBLIGATORIE | Di seguito sono fornite le indicazioni in merito alla modalità di richiesta dei certificati vaccinali. Al seguente link sono consultabili le modalità per richiedere i certificati vaccinali

Si ricorda che è comunque attiva per il genitore la possibilità di scaricare direttamente dal Fascicolo Sanitario Elettronico dei propri figli l’elenco delle vaccinazioni eseguite. Il documento prodotto è valido ai fini dell’attestazione del rispetto dell’obbligo vaccinale. Link modalità per scaricare l’elenco delle vaccinazioni eseguite dal FSE Fascicolo Sanitario Elettronico

Avviso agli utenti

Da lunedì 12 febbraio '18 entreranno in vigore i seguenti nuovi orari di apertura:
CUP Casorate Primo da lunedì al giovedì 08:00-12:30/13:30-15:15, venerdì 08:00-12:30/13:30-14:45;
CUP Garlasco da lunedì al venerdì 08:00-12:30/13:30-15:30;
CUP Vigevano e Voghera da lunedì al venerdì 08:00-16:00 orario continuato;
Grazie per l'attenzione.

la Dott.ssa Maria Teresa Zanini ASST Pavia

Dott.ssa Maria Teresa Zanini, Dirigente Medico ASST PaviaIl gioco d’azzardo è una piaga sociale riconosciuta a livello nazionale: l’ASST di Pavia tenta di contrastarne il passo attraverso l’Unità Operativa Semplice Servizi Territoriali per le Dipendenze (Ser.D), struttura deputata al trattamento delle dipendenze di pazienti con problematiche di abuso/dipendenza da sostanze chimiche lecite o illecite (eroina, cocaina, cannabis, alcol, etc.) e/o di comportamenti compulsivi (gioco d’azzardo, etc.). Sul territorio pavese i Serd sono presenti a Pavia, Voghera e Vigevano.

La dott.ssa Maria Teresa Zanini, dirigente medico del Ser.D presso la sede di Pavia in piazzale Golgi 3/b, analizza per noi i dati relativi alla ludopatia emersi dal monitoraggio delle cartelle cliniche informatizzate condivise tra le tre sedi Ser.D aziendali. Sono in tutto 34 i pazienti che si sono rivolti al Serd di Pavia nel primo semestre del 2017 per chiedere di essere aiutati ad affrontare una situazione di dipendenza grave. Di questi, 29 sono uomini e 5 sono donne. “Nel corso dell’anno precedente, nel 2016, i pazienti nuovi in carico al Serd sono stati in tutto 45 su un totale di 118, quindi il numero è in leggero aumento – commenta la dott.ssa Zanini - Questo non significa che sia cresciuto il numero di coloro che sono diventati giocatori d’azzardo patologici ma indica che è invece aumentata, da parte delle persone, la presa di coscienza del loro status e della difficoltà di uscire da soli dalla dipendenza”.

Pavia è una delle capitali della ludopatia e le cifre spese dai cittadini nell’azzardo sono altissime e molto preoccupanti. “Raramente il giocatore patologico si rende conto in autonomia di essere tale e trascorre moltissimo tempo alle slot perdendo completamente il senso del denaro impiegato per giocare. Chiamiamo questa particolare situazione con il termine inglese di “craving”, ovvero un desiderio irrefrenabile nei confronti di determinate sostanze o comportamenti d’abuso, che aumenta e si aggrava progressivamente; la persona continua ad attuare il comportamento sbagliato o ad assumere la sostanza della quale è dipendente pur conoscendone i rischi. Ciò è dimostrato dal fatto che molto spesso i giocatori, non rendendosi conto di quanto siano realmente problematici i loro comportamenti, arrivano al Ser.D accompagnati dalle famiglie”.

La maggioranza delle persone affette da ludopatia è over 65 anni, ma sotto la lente degli esperti finiscono anche gli adolescenti: “Sulle fasce giovanili l’attenzione è molto alta - precisa la dott.ssa Zanini - Se per le sale da gioco esistono limiti d’età imposti dalla legge, purtroppo online è tutto molto più libero ed esistono i cosiddetti pay-to-win, giochi che necessitano del versamento di piccole somme per poter progredire o vincere”.

Il meccanismo della dipendenza è legato strettamente allo stress: “Chi gioca lo fa per cercare di tenere sotto controllo lo stress quotidiano, magari peggiorato da traumi personali (perdita del posto di lavoro, pensionamento, malattia, lutto, ecc.). Quando lo stress trova nel gioco un sollievo, nella mente del giocatore si è creato il legame tra piacere, relax e azzardo: in realtà giocare provoca ancora più stress creando un circolo vizioso pericolosissimo”.

A Pavia il Ser.D si trova in piazzale Golgi, l’accesso è libero e non richiede impegnativa medica. Il numero di telefono a disposizione dell’utenza è 0382-432349:  è sufficiente fissare un appuntamento e dopo una prima valutazione il paziente può accedere ad una visita psicologica e anche medica, sia per stabilire a quale delle tre categorie il giocatore appartiene (sociale, problematico, patologico), sia per capire le reali condizioni di salute della persona.

Inaugurato nuovo Centro Prelievi a Lungavilla

Inaugurazione nuovo punto prelievi a LungavillaIl Direttore Generale dell'ASST di Pavia, Dott. Michele Brait, nell'ottica della realizzazione di un sempre più ampio e proficuo percorso di integrazione delle attività sanitarie e socio-sanitarie a favore delle persone fragili, ha accolto la richiesta del Sindaco di Lungavilla, Dott. Andrea Daprati, di avviare un'attività di prelievo ematico e raccolta di campioni biologici presso il Poliambulatorio Comunale. Il Comune di Lungavilla ha messo a disposizione, gratuitamente,  locali idonei e personale adeguatamente formato, sia medico, che infermieristico per lo svolgimento dell'attività di prelievo, nonché, il servizio di trasporto del materiale biologico attraverso l'Associazione di volontariato AUSER. L'iniziativa è stata attivata, da parte dell'ASST di Pavia, attraverso il Servizio di Medicina di Laboratorio (SmeL) dell'Ospedale di Voghera, per l'esecuzione di prestazioni di analisi. 
L'attività di prelievo si svolgerà un giorno alla settimana: il mercoledì dalle ore 7:30 alle ore 9:30, presso il Centro Prelievi sito in Via Martiri della Libertà, 2 a Lungavilla.

 Inaugurazione nuovo punto prelievi a LungavillaInaugurazione nuovo punto prelievi a LungavillaInaugurazione nuovo punto prelievi a LungavillaInaugurazione nuovo punto prelievi a Lungavilla

I cantieri aperti dell'Ospedale di Voghera

Il cantiere del nuovo CUP dell'Ospedale di VogheraA Voghera ci sono tre importanti cantieri aperti che andranno a chiudersi nel corso del 2018: quello del nuovo CUP, ovvero il Centro Unico di Prenotazione che sarà ultimato prima dell’estate, a seguire sarà completata la nuova sede del Servizio di Emodinamica, afferente all'UOC di Cardiologia e successivamente, entro l'anno in corso, nell'ambito del DEA (Dipartimento di Emergenza, Urgenza e Accettazione), il nuovo Pronto Soccorso di Voghera che costerà circa un milione e mezzo di euro, sorgerà al pian terreno del padiglione già realizzato e occuperà una superficie di circa mille metri quadri. Nella nuova Emodinamica verranno effettuati tutti gli interventi diagnostici e terapeutici micro invasivi inerenti le patologie cardiovascolari ed il nuovo Centro Prenotazioni accoglierà il front office dell’ospedale ed il Centro Servizi. Grande attesa per questo importante rinnovamento che nel suo insieme darà all'ospedale cittadino una nuova veste.

Cantiere Nuovo Cup Ospedale di VogheraSopralluovo del Direttore Generale Dott. Brait presso i cantieri dell'Ospedale di Voghera Cantieri Ospedale di Voghera

Donazione alla Pediatria di Voghera

Donazione alla Pediatria di Voghera da parte del Derthona BasketAnche la Pediatria di Voghera è stata oggetto di un'importante donazione la cui cerimonia si è svolta venerdì 26 gennaio '18. Accompagnati dal General Manager Marco Picchi, una rappresentanza di giocatori del Bertram Derthona Basket, alla presenza del Direttore Generale, Dott. Michele Brait e del Direttore del Dipartimento Materno-Infantile della ASST di Pavia, Dott. Alberto Chiara, della Presidente della Onlus a sostegno della Pediatria di Voghera "Cresci con me", Valentina Ghezzi,  hanno consegnato un Mastosuttore (tiralatte) elettrico di ultima generazione, strumento molto apprezzato dal Primario Dott. Chiara, per le qualità ed i vantaggi per i neonati. Dice il Dott. Chiara: "Questo prezioso e utile strumento, progettato per imitare il ritmo di allattamento naturale del bambino, viene utilizzato quando l’allattamento diretto al seno non risulta possibile. Ci possono essere molte ragioni per cui non è possibile per una donna allattare direttamente al seno, ad esempio, quando i bambini nascono prematuri oppure quando insorgono malattie che non permettono il contatto madre-neonato. Il mastosuttore è molto utile anche per stimolare la montata lattea e risolvere, o prevenire, gli ingorghi mammari. Questo strumento favorisce, pertanto, il sostegno ed il mantenimento dell’allattamento al seno. Ringrazio di cuore per il pensiero e per la donazione effettuata. Il latte materno é un alimento unico ed é per noi fondamentale poter contare su strumenti di questo tipo per accompagnare il processo di crescita".

Apprezzamento anche da parte del Direttore Generale, Dott. Michele Brait: "Accolgo con entusiasmo questo gesto di generosità. Lo sport é importante perché sviluppa il senso di squadra, dà salute, e oggi significa generosità: all’impegno sul campo ha fatto eco un impegno sociale che oggi ci rende molto orgogliosi. I piccoli e i loro genitori vengono in reparto in fase di necessità e ogni aiuto è sempre gradito per accompagnare i bambini nella crescita".

Infine, una simpatica sorpresaCapitan Garri e i giocatori hanno consegnato ai piccoli ricoverati i peluches raccolti in occasione del Teddy Bear Toss dello scorso 23 dicembre. 

GRAZIE DERTHONA BASKET !!!  SIETE FORTI !!!

Donazione alla Pediatria dell'Ospedale di Voghera da parte del Derthona Basket

 

 

 

il Dott. Mario Alessiani ASST Pavia

Dott. Mario Alessiani Direttore UOC Chirurgia Generale Ospedale di Broni-Stradella

Il Dott. Mario AlessianiDirettore UOC Chirurgia Generale Ospedale di Broni-Stradella, ha 60 anni, è nato a Varese e si è laureato a Pavia, e svolge il suo incarico presso l'Asst di Pavia dal 2015. Nel suo curriculum annovera tre anni di attività negli Stati Uniti e 19 anni presso la Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia accanto all'allora Primario Dott. Aris Zonta e successivamente con il Dott. Paolo Dionigi.

L'Ospedale di Broni-Stradella, ove opera il Dott. Alessiani, è una struttura realizzata nel 2009 ed riferimento per la cura dei pazienti che provengono dalla vicina Pavia come pure dalla provincia e dal piacentino. Il Dott. Alessiani si ritiene soddisfatto della realtà stradellina che ha trovato al suo arrivo e afferma: "Sono ottimi i livelli di qualità e quantità dei servizi erogati. Effettuiamo circa 700 interventi all’anno, abbiamo 21 letti di degenza ordinaria più altri per day hospital o degenze ambulatoriali, 6 chirurghi in attività che permettono di lavorare in sala operatoria 4 giorni alla settimana. Lavoriamo in piena sinergia con i reparti di Medicina Interna, Ortopedia, Ginecologia e Ostetricia; gestiamo (con lunga tradizione) la chirurgia bariatrica e abbiamo un punto nascita e anestesisti e rianimatori con copertura H24 per i parti. Inoltre disponiamo di una Unità di Riabilitazione anche con posti letto specialistici.".

Il Dott. Alessiani prosegue affermando che: "In questi due anni ho adeguato la Chirurgia ai progressi del campo, sia a livello tecnico che di protocolli e linee guida: oggi ci occupiamo di chirurgia addominale ed epato-biliare, di chirurgia proctologica e di chirurgia oncologica; ricorriamo a tecniche mininvasive e laparoscopiche occupandoci anche di tiroidectomie. Per la chirurgia senologica ci appoggiamo al San Matteo. Inoltre disponiamo di un Pronto Soccorso, quindi dobbiamo anche gestire le urgenze”.

Tanti davvero i servizi resi ai pazienti, senza però costringerli ad attese sfiancanti: “Grazie alla recente riorganizzazione dei ricoveri, oggi chi necessita di un intervento chirurgico attende mediamente un mese - ha chiarito il Dott. Alessiani - Ovviamente per le patologie tumorali l’attesa si riduce ad un massimo di due settimane. I tempi sono rapidi anche per le attività ambulatoriali: per chirurgia generale siamo aperti tutti i giorni con disponibilità anche negli orari della pausa pranzo per permettere a coloro che lavorano di accedere agli ambulatori in momenti diversi. A Corteolona l’ambulatorio è attivo fino alle 18. Abbiamo inoltre ambulatori per effettuare piccoli interventi come cisti e lipomi”. Il tutto senza dimenticare la ricerca: “Devo ringraziare il Direttore Generale di Asst Pavia, il Dottor Michele Brait, perché si sta spendendo in prima persona per l’implementazione dell'attività assistenziale e di cura vista come parte essenziale della ricerca - ha concluso il Dott. Alessiani, che è anche docente associato in Chirurgia Generale ed Endocrina all’Università di Pavia in entrambi i corsi, quello in lingua inglese e quello in italiano.-: la ricerca clinica e sperimentale non deve mai separarsi dalla pratica clinica. Ne sono un esempio i progetti su cui stiamo lavorando in questo ultimo periodo: mi riferisco alla ricerca su nuove metodiche di diagnosi precoce su tumori del colon, a uno studio multicentrico portato avanti con il San Matteo e ad una collaborazione in atto con una spinoff di Bologna per un protocollo di ricerca su pazienti autistici, che verrà presentato a livello europeo. Come ospedale di Broni-Stradella siamo polo didattico per scienze infermieristiche, speriamo di diventarlo presto anche per gli studenti della facoltà di Medicina di Pavia”.

 

Il cuore della Riforma: la presa in carico del paziente cronico

Nuovo percorso di cura per i pazienti fragili e cronici

La Riforma del Servizio Socio Sanitario Regionale Lombardo entra nel vivo con il concreto avvio del percorso di cura per il paziente cronico. A partire da lunedì 15 gennaio '18, nelle case di oltre 3 milioni di pazienti cronici lombardi arriverà una lettera informativa di questa nuova opportunità di cura che Regione Lombardia ha predisposto per migliorare la qualità della loro vita. Nel nuovo modello un medico gestore organizza tutti i servizi sanitari e sociosanitari per rispondere ai bisogni del singolo paziente, programmando prestazioni ed interventi di cura specifici, prescrivendo le cure farmacologiche più appropriate, alleggerendo così il paziente dalla responsabilità di prenotare visite ed esami. I pazienti cronici che lo desiderano, potranno aderire e godere di tutti questi benefici.

Gli animali di affezione migliorano la cura

Ingresso degli animali d'affezione in ASST PaviaApprovato con Delibera n. 853 del 22.12.'17 il Regolamento aziendale per l'accesso di animali domestici alle aree di degenza e/o alle aree attrezzate comuni dell'ASST di Pavia. Regione Lombardia, con Regolamento regionale del 13 aprile 2017 ha individuato i criteri per l'accesso di animali d'affezione alle strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private accreditate, fornendo una risposta alle richieste di numerosi pazienti. L'Assessore al Welfare, Avv.to Gallera nella conferenza stampa ha affermato: "Siamo convinti che consentire ai pazienti di ricevere le visite del proprio animale d'affezione abbia un valore terapeutico straordinario e ringrazio l'associazione 'Amo gli animali onlus' per la realizzazione di questo spot che sensibilizzerà anche altre Regioni a seguire l'esempio della Lombardia". Link allo spot La compagnia del cucciolo, la cura più bella Link al backstage dello spot.

Pagine